Homepage » Cultura editoriale » Paola Masino

Paola Masino
A cura di Beatrice Manetti
Milano: Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, 2016
336 pp., € 20,00
ISBN 978 88 85938 51 9

«L’arte è sempre sbaraglio, avventura, indicazione, scoperta anche quando è memoria. L’arte è capofitto nel pericolo e nell’ignoto». A questa convinzione, che ha informato tanto la sua poetica quanto le sue scelte di vita, Paola Masino è rimasta sempre fedele. Il gusto dell’avventura, la fascinazione per l’ignoto, caratterizzano la sua intera produzione narrativa (i racconti di Decadenza della morte e di Racconto grosso e altri come i romanzi Monte Ignoso, Periferia, Nascita e morte della massaia) tutta giocata tra l’apertura alle inquietudini sperimentali del modernismo europeo e la rivisitazione, ora nostalgica ora polemica, della tradizione.
I saggi qui raccolti, che proseguono e arricchiscono il confronto tra studiose di diversa nazionalità e formazione avviato con la giornata di studi tenutasi a Roma nel giugno 2013 nell’ambito del progetto «Scrittrici e intellettuali del Novecento», nascono dall’intento di offrire un ritratto a più voci della scrittrice, analizzandone la figura e l’opera secondo una prospettiva plurale che incrocia discipline, competenze e metodologie diverse. Questa ricognizione attraversa le forme della scrittura, dalla lingua alle molteplici declinazioni del genere fantastico e della forma breve, dalla poesia, che chiude la parabola creativa “in pubblico” di Paola Masino e che non era mai stata organicamente studiata prima d’ora, fino ai libretti d’opera; ripercorre la storia della fortuna editoriale e della ricezione critica delle sue opere in Italia e all’estero; documenta l’impegno intellettuale e politico di questa scrittrice singolare, e per molti versi solitaria, tra la Parigi degli anni venti e la Roma fascista e dell’immediato dopoguerra, ricostruendo intorno alla sua figura una rete fittissima di relazioni professionali e private.
Chiudono il volume uno scambio epistolare inedito, breve ma di grande rilievo, tra Paola Masino e Massimo Bontempelli, proveniente dall’archivio privato dello scrittore conservato presso il Getty Research Institute di Los Angeles, e una bibliografia aggiornata degli scritti e della critica masiniana, che insieme ai saggi si offrono come un utile strumento di lavoro per chiunque voglia accostarsi a un’autrice che non ha mai smesso di sorprendere e di provocare il proprio pubblico.

Interventi di Valeria Della Valle, Laura Di Nicola, Marella Feltrin-Morris, Daniela Gangale, Antonella Gargano, Margherita Ghilardi, Beatrice Manetti, Lucia Re, Louise Rozier, Beatrice Sica, Monica Cristina Storini, Myriam Trevisan, Marina Zancan.

  • Stampa
  • A A
  • La nostra fan page