FAAM | Via Riccione 8, 20156 Milano | 02 39273061 | info@fondazionemondadori.it

Libri ricevuti

1938 - Vite spezzate

80° Leggi razziali
Copertina del libro
A cura di  Marcello Pezzetti, Sara Berger
Roma Gangemi Editore2018
239 pp.
ISBN: 978-88-492-3608-8
€ Fuori Commercio
Sezione: Cataloghi e strumenti
Catalogo della mostra "1938 Vite spezzate" - Fondazione Museo della Shoah – Casina dei Vallati Roma - dal 26 aprile al 18 novembre 2018
Il volume è il catalogo della mostra realizzata in occasione dell’80esimo anniversario della promulgazione delle Leggi Razziali da parte del governo fascista del Regno d'Italia.
Attraverso materiali in gran parte inediti e originali, provenienti da archivi e collezioni private, l'esposizione percorre gli anni dal 1938 al 1943 nei quali si realizzò la persecuzione antiebraica.
Sono messe in evidenza le biografie di alcune decine di ebrei italiani, suddivisi per professioni o gruppo di appartenenza, che furono allontanati dal lavoro, dalla scuola, dalla società. Dagli scrittori ai musicisti, dai medici agli ingegneri. Ma anche i piccoli imprenditori o ancora membri dell’esercito cacciati dal servizio. Senza dimenticare gli uomini di sport.
"Vite spezzate", in alcuni casi fino alle estreme conseguenze. Ci fu infatti chi lasciò la patria per procacciarsi altrove un futuro o chi si tolse la vita con la famiglia come Eugen e Arthur Kürschner - profughi della Germania nazista - che da Taormina così scrissero, il 2 marzo 1939:
«Oggi è arrivato il momento: noi tutti quattro moriremo volontariamente-involontariamente. Il mare profondo ci accoglierà in maniera  più gentile che tutti gli alti governi dei paesi che ci circondano. Riempiremo le nostre tasche con pietre, per non ritornare più a galla. La nostra decisione è stata presa già mezzo anno fa. Ci è stata resa più semplice dalla coscienza di aver fatto una vita sempre onesta e contenti di lavorare, a volte coronata anche da successi e di non aver mai fatto a nessuno del male…»
Il ritratto di Giuseppe Bottai è conservato nell'Archivio Bottai presso Fondazione Arnoldo e Alberto Mandadori.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi