FAAM | Via Riccione 8, 20156 Milano | 02 39273061 | info@fondazionemondadori.it

Armate di penna

Donne della Repubblica copertina

ll 5 ottobre è stato inaugurato il progetto Donne della Repubblica, una serie di esposizioni sui temi della politica, del costume, della letteratura e dell’arte, dedicata al percorso dell’emancipazione femminile italiana.

Nella tappa milanese, luoghi diversi della città ospitano foto, documenti, libri e filmati.

Biblioteca Nazionale Braidense Armate di penna
Archivio di Stato La lunga marcia della cittadinanza femminile
Università degli Studi di Milano Il cammino nell’ombra
Museo Villa Belgiojoso Bonaparte Percorsi femminili nell’arte
Mondadori Multicenter Duomo Ridiamoci sopra
Archivio di Stato Cinema Donna

Alcune presenze del protagonismo femminile sono qui chiamate a testimoniare esemplarmente la storia della lunga lotta per l’affermazione nella società italiana dei diritti delle donne. In un arco d’anni cruciale, compreso fra lo scadere dell’Ottocento e l’immediato secondo dopoguerra, negli ambiti più diversi lungo tutto il territorio nazionale, con l’arma della parola, non poche donne sono riuscite a emergere facendo udire la propria voce. Si tratta di un manipolo significativo, dove in tutti i casi queste punte di eccellenza s’interrogano intorno all’eccezionalità del percorso che le ha condotte al successo: ostacoli da superare, pregiudizi da vincere, dolorose rinunce.
E tutte si rivolgono con rammarico alla schiera delle innumerevoli donne mortificate, che quel percorso non sono riuscite a compiere, e si battono perché le risorse femminili possano concorrere “normalmente” al progresso culturale e civile del nostro paese. Per quanto ancora saranno escluse dal diritto di voto le donne che conquistano il premio Nobel, come Grazia Deledda, dirigono una testata giornalistica, come Matilde Serao, o impongono nel mondo la nostra tradizione teatrale, come Eleonora Duse? Vera e propria avanguardia, il nostro manipolo segna di fatto l’avvento dell’era nuova che stiamo vivendo. Il diritto di voto delle donne e la parità dei sessi è oggi nella Costituzione Italiana, sancito da un principio che però va assunto come punto di partenza e non di arrivo. [dal catalogo della mostra]

In occasione della mostra la Fondazione ha prestato documenti e fotografie relativi a Lavinia Mazzucchetti e Alba de Céspedes provenienti dai fondi Archivio Lavinia Mazzucchetti e Archivio storico Arnoldo Mondadori editore

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi