FAAM | Via Riccione 8, 20156 Milano | 02 39273061 | info@fondazionemondadori.it

Il dèmone dell’anticipazione

Il demone dell'anticipazione copertina

Le scriverò un giorno di questa Milano che mi esalta… La mattina mi sveglio alle sette ed esco su una terrazza che è dinnanzi alla mia camera a vedere i primi fumi dei primi comignoli nell’aria ancora celeste. È il quartiere più bello di Milano dove ora sto io… verso Porta Volta – turrito di fabbriche.
Elio Vittorini, 10 febbraio 1934

Il “dèmone dell’anticipazione”, secondo un’espressione di Francesco Leonetti, o quanto meno la volontà di captare il continuo mutamento delle cose per non farsene cogliere impreparati, per riuscire ad essere parte attiva del cambiamento, è ciò che ha sempre caratterizzato l’attività di Elio Vittorini e che lo ha reso uno dei protagonisti della cultura del Novecento.
Milano, che rappresentò per lui il luogo adatto da cui prevedere e governare gli sviluppi della letteratura, gli dedica questo convegno nel centenario della nascita.

Programa

giovedì 30 ottobre

ore 15.00
APERTURA DEI LAVORI E SALUTI
Elio Franzini, Luca Formenton, Lucia Molino

ore 15.30
SCRIVERE, DISCUTERE, PUBBLICARE
Presiede Alberto Cadioli
Interventi di Anna Panicali, Irene Piazzoni, Gian Carlo Ferretti, Edoardo Esposito

venerdì 31 ottobre

ore 9.30
LETTERATURA E SOCIETA’
Presiede Vittorio Spinazzola
Interventi di Guido Bonsaver, Martino Marazzi, Marina Zancan, Andrea Casoli, Carlo Minoia

ore 15.00
LA TENSIONE PROGETTUALE
Presiede Claudio Milanini
Interventi di Enza Biagini, Denis Ferraris, Emanuele Zinato, Bruno Pischedda

In occasione del convegno di studio, verrà presentato il volume
L’America dopo Americana. Elio Vittorini consulente Mondadori, a cura di Edoardo Esposito

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi